martedì, settembre 16, 2008

POLITICA= SPOT PUBBLICITARIO

Ci sono amici che mi conoscono, che seguono questo blog e si ritrovano in alcune mie mandate a fanculo sulla situazione che vive oggi l'Italia.
Alcuni mi chiedono come mai non dico nulla su questo o su quello. Il motivo è semplice... non ci riesco.
La rapidità con il quale mi fanno salire il sangue al cervello questa incompetente classe dirigente è incredibile.Non faccio in tempo a metabolizzare, riflettendo sull'immonda porcata tirata fuori dalle loro vuote teste di cazzo, che subito ci rifilano la "genialata" del giorno.
Non è passato moltissimo dall'immunità alle cinque cariche più alte dello stato, e solo di questo i giornali avrebbero dovuto parlare per mesi,facendo capire al cittadino che era una legge ingiusta e truffaldina, che ci rifilano altre leggi che vertono a distruggere il nostro paese.Si parla di riforma della giustizia, ma non fanno nulla sulla giustizia (hanno riesumato la storia del braccialetto elettronico, ritenuto da tutte le altre potenze europee inadeguato e inutile) ...Si parla di fare un taglio alla scuola di centinaia di migliaia di insegnati ed è come se nulla fosse successo (però abbiamo rimesso i voti e il grembiulino), hanno creato una megatruffa (chiamata cordata), fatta di imprenditori al baratro del fallimento,di pregiudicati e incompetenti per fregarsi Alitalia, usandola come mezzo di guadagno per l'Expo del 2014, raggirando tutta una serie di leggi(anche europee) , al limite del legale (alcune sono assolutamente illegali, vedi l'entrata di Airone nella fusione)e Berlusconi dice che è l'unica possibilità (AireFrance era cento volte meglio questa proposta).
Infine, Alemanno, La Russa e il presidente dei giovani di An, rievocano il fascismo e i "martiri di Salò" come qualcosa di giusto e da non dimenticare...ma mi spiegate in quale cazzo di mondo parallelo sono finito?
Per favore dite agli scienziati svizzeri di fare sto cazzo di buco nero e sulla porta d'ingresso scrivete "ve lo siete meritati".

1 commento:

Emanuele ha detto...

Bè, purtroppo, ciò che duole di più è la consapevolezza del fatto che gli italiani (o almeno la maggior parte di loro) hanno voluto trovarsi in questa situazione di semi-democrazia e tuttora, sarà ignoranza, poco amore per la libertà o grande capacità di farsi abbindolare, vivono bene...
Beati loro...