venerdì, agosto 05, 2005

E' UFFICIALE!!!!!


Il viaggio è stato massacrante, ma Bruxelles mi é rimasta nel cuore in questi 2 giorni pieni di lavoro che mi hanno portato nella città del parlamento Europeo a firmare il mio primo contratto di lavoro per il mercato Franco-Belga! L'editore si chiama Le Lombarde (www.lombard.be) e la collana per la quale lavorerò é le Polyptyque! E' una saga in 4 Tomi scritta da uno sceneggiatore francese che mi impegnerà per 4 anni. Spero di dare il massimo come ho sempre fatto e se verrete a trovarmi sul blog, vedrete anche qualche anteprima!
I contratti francesi sono straordinari! Nulla a che vedere con quelli Italiani che ti offrono le briciole e hanno anche l'ardire di incazzarsi se rifiuti di collaborare con loro! A parte il rispetto per l'autore, nessuna pressione sui tempi di consegna e la totale libertà grafica ed artistica si prodigano per te, pagano i viaggi, l'alloggio e il pranzo! Per le mie esperienze personali tutto questo é alquanto straordinariamente assurdo. Non voglio disdegnare il mercato italiano che amo e apprezzo, ma vorrei che gli editori italiani cominciassero ad avere più palle, non soltanto sull'investimento degli autori (anche di quelli poco conosciuti) ma anche sull'aspetto economico e personale. Nulle é dovuto! Questo é un lavoro come tanti altri! vorrei vedere se uno va da un carrozziere e gli dice "mi devi rifare il cofano ma ti pago 30 euro e me lo devi consegnare domani", quanti vaffanculo quello si prende! quindi cominciamo anche noi autori a dare un pò di vaffanculo agli editori e magari cominceranno a cambiare politica!

3 commenti:

foolys ha detto...

mitico claudio! trinacria alla riscossa! VAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Steve99 ha detto...

Che posso dire...grande! Sei un grande! Non ci conosciamo, ma io seguivo già i tuoi lavori e il tuo nome.
Concordo pienamente con te riguardo il modo di lavorare dei francesi e nella pochezza (a livello umano) di molti editori italiani, impegnati a curare il loro piccolo giardino con la paura fottuta di mettere un piede fuori!!! Giocano sul fatto di essere esordienti, non ti pagano e se ti pagano lo fanno poco o male (percentuali sulle vendite piuttosto che 40 euro misere) e pretendono il massimo dei risultati e la tua riconoscenza per essere stato pubblicato!Fanculo!

Dacci dentro Claudio

ciauz
Steve

HAppYmeRdAFrIenDS ha detto...

Non posso che aggiungere un grande: buon lavoro!
era ora che il tuo lavoro venisse riconosciuto.
Per quanto riguarda invece tutta la polemica del caso che si può tirare in mezzo, bè questa la lascio a quando ci vedremo!
ciao

laura